ASIA/INDIA - Nell’Anno della Fede, missione in Africa “in tempo reale” grazie al web

lunedì, 19 novembre 2012

Mangalore (Agenzia Fides) – L’Anno della Fede sarà anche un anno di missione, in quanto “la missione e l’annuncio sono il termometro della fede”: con questo spirito la diocesi di Mangalore, nello stato indiano del Karnataka, ha inviato in missione in Africa due nuovi sacerdoti, chiamati a condividere il dono della fede in un paese con gravi difficoltà come la Tanzania. E questa missione, come riferisce a Fides una nota della diocesi di Mangalore, sarà costantemente monitorata grazie a un sito web: in tal modo i due missionari resteranno in contatto e potranno condividere in tempo reale la loro esperienza con la loro diocesi di origine.
Il 14 novembre p. Alwyn D'Souza, ex Direttore nazionale della Pastorale giovanile, e p. Ronald Pinto, che era viceparroco nella parrocchia di Madanthyar, hanno ricevuto il solenne mandato missionario per la nuova avventura missionaria, e sono partiti giungendo il giorno dopo nella diocesi di Same, in Tanzania. La diocesi di Mangalore aveva scelto come territorio di “missione ad gentes” l’Africa in occasione del centenario della sua istituzione. S. Ecc. Mons. Aloysius Paul D'Souza, Vescovo di Mangalore, spiega: “Dato che vi è scarsità di sacerdoti in quella zona, il Vescovo di Same ci aveva chiesto aiuto. I nostri sacerdoti partono come autentici apostoli di Cristo, verso luoghi e persone sconosciute e anche senza conoscere la lingua locale. È Cristo che li ha ispirati e che li guiderà in questo nuovo percorso, fatto di fede e di annuncio”. Il Vescovo dice a Fides che, contestualmente, è stato lanciato il sito Internet www.mangaloreafricamission.org che fornirà informazioni sullo sviluppo della missione africana della diocesi di Mangalore. Il web, conclude la nota, diventa così uno strumento per alimentare la comunione fra fedeli di diversi continenti.
Nella diocesi di Same è già aperta, dal 2004, una missione delle Suore Francescane Orsoline di Mangalore, che ora hanno trenta suore, sette conventi, tre case e un centro di formazione in tre diocesi della Tanzania. Anche i padri Carmelitani del Karnataka da 30 anni lavorano con missioni rurali e nel campo dell’istruzione in Tanzania e Sud Africa e attualmente hanno 27 sacerdoti in Tanzania. La diocesi di Same, nel nordest della Tanzania, conta 30.000 cattolici su oltre 3 milioni di abitanti. (PA) (Agenzia Fides 19/11/2012)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network