VATICANO - “La formazione culturale e teologica è in vista e in funzione dell’annuncio e del servizio alle giovani Chiese”: il Card. Filoni apre l’Anno accademico dell’Urbaniana

lunedì, 12 novembre 2012

Città del Vaticano (Agenzia Fides) – Con la solenne Concelebrazione Eucaristica “De Spiritu Sancto” presieduta questa mattina dal Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e Gran Cancelliere della Pontificia Università Urbaniana, si è aperto l’Anno accademico 2012-2013. “Noi tutti sappiamo bene – ha detto il Card. Filoni nella sua omelia - che l’esistenza e le attività della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli sono dirette all’annuncio del Vangelo, al sostegno delle Chiese particolari nei territori cosiddetti di missione e alla formazione degli evangelizzatori e del personale delle stesse Chiese particolari. Anche questa Università ha la sua ragion d’essere nella preparazione teologico-culturale del personale destinato alle Chiese giovani o in via di formazione”.
La riflessione del Cardinale ha quindi toccato tre aspetti: la preparazione culturale come preparazione alla storia della salvezza in Gesù per tutti i popoli; la nostra missione in quanto sacerdoti, religiosi, religiose e laici al servizio di Dio e della Chiesa; l’Anno della Fede. Riguardo al primo punto, il Prefetto del Dicastero Missionario ha sottolineato la necessità che “la Chiesa prepari i messaggeri della salvezza tenendo necessariamente presenti due poli, che fanno parte della stessa logica: la Parola Incarnata di Dio in Cristo, e la Storia dell’umanità, che il Concilio Vaticano II ha voluto racchiudere sotto la categoria biblico-evangelica di «segni dei tempi».” Quindi il Cardinale ha affermato: “E’ necessario fare sintesi tra «cultura, storia e fede», perché il messaggio della salvezza non mostra la sua «universale efficacia» se non operando a fondo, e non solo a livello epidermico, nel luogo culturale nel quale l’uomo concretamente e storicamente vive”.
Soffermandosi poi sulla formazione, il Card. Filoni ha sottolineato che “la formazione culturale e teologica è in vista e in funzione dell’annuncio e del servizio alle giovani Chiese. Come ministri ordinati, come religiosi, religiose e come laici siamo per vocazione direttamente impegnati nell’evangelizzazione. Siamo chiamati a porci sulla linea della missione messianica di Cristo, in un mondo multietnico, multiculturale e multireligioso”.
Infine l’Anno della Fede è occasione propizia, anche per la comunità universitaria, per “una riappropriazione della fede in Cristo Gesù”. Il Card. Prefetto ha concluso: “Solo se l’oggetto del nostro studio è Cristo e la sua rivelazione possiamo essere pronti per l’ufficio di evangelizzare e di servire. Solo se amiamo l’evangelizzazione possiamo essere pronti ad evangelizzare… Il missionario o l’evangelizzatore, se meglio si vuole, in realtà nasce dalla fede, vive per la fede, patisce e muore per la fede”.
Alla Concelebrazione Eucaristica nella Cappella del Collegio Urbano è seguito, nell’Aula Magna dell’Università, l’Atto Accademico con la relazione del Rettore Magnifico, la prolusione del prof. Giovanni Ancona su “La fede cristiana. Elementi fondamentali identitari” e la premiazione degli studenti. (SL) (Agenzia Fides 12/11/2012)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network