http://www.fides.org

Africa

2012-11-07

AFRICA/SUD SUDAN - Precisazioni del Vescovo di Torit sul contributo alla ricostruzione della Cattedrale da parte di studenti musulmani

Juba (Agenzia Fides) - In relazione alla proposta di un gruppo di giovani musulmani di contribuire alla ricostruzione della Cattedrale di Torit (in Sud Sudan), un comunicato, emesso per conto di Sua Ecc. Mons. Akio Johnson Mutek, Vescovo di Torit, chiarisce la situazione.
Il documento, inviato all’Agenzia Fides, ricorda che un anno fa un gruppo di studenti musulmani del Darfur, in un incontro con Mons. Mutek, si dichiarò disponibile a contribuire alla ricostruzione della Cattedrale di San Pietro e Paolo e della chiesa della parrocchia di Kimotong, come gesto di riconoscenza per quanto Lopez Lomong, atleta americano di origine sudanese (ed ex bambino soldato fuggito ai suoi aguzzini), stava facendo per il Darfur. Lamong, membro del “Team Darfur” alle Olimpiadi di Pechino, aveva lanciato un appello alla comunità internazionale perché intervenisse a fermare i bombardamenti aerei contro i civili del Darfur.
Visto che questa proposta ha suscitato alcune incomprensioni tra i fedeli, Mons. Mutek desidera precisare i fatti attraverso un comunicato in cui si afferma: Mons. Mutek non ha sollecitato alcun aiuto da parte di questo gruppo, l’offerta è frutto di una loro spontanea iniziativa; gli studenti fanno parte di una fondazione no-profit con base negli USA, la Sudan Sun Rise che ha tra i suoi scopi quello di favorire la riconciliazione tra le comunità del Sud Sudan e del Sudan; la ricostruzione della Cattedrale è ancora nella fase di dialogo tra la diocesi e il gruppo di studenti e nessuna decisione definitiva è stata presa; gli studenti hanno affermato con chiarezza di non avere nessuna fonte di finanziamento ma che intendono raccogliere fondi attraverso una campagna mediatica condotta negli USA e in Europa; la diocesi non è a conoscenza di nessun’altra organizzazione alla quale gli studenti sono collegati, a parte Sudan Sun Rise; gli studenti hanno promesso un “contributo finanziario” e non che avrebbero ricostruito la Cattedrale da soli.
“La diocesi è molto attenta e sensibile alle preoccupazioni espresse dai cristiani e vuole quindi assicurare l’opinione pubblica, e specialmente i fedeli, che nulla è stato finora concretamente eseguito. Le consultazioni continuano per far sì che ogni aspetto di questa delicata questione venga meticolosamente affrontato, chiarito e compreso da tutti” conclude il comunicato.
La Cattedrale ha subito diversi danni durante i decenni di guerra civile, ma “è sempre rimasta il simbolo di una lunga storia di profonda fede e di tradizione religiosa della Chiesa locale”. (L.M.) (Agenzia Fides 7/11/2012)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network