http://www.fides.org

America

2012-10-15

AMERICA/EL SALVADOR -“La politica è molto screditata, bisogna recuperarla” esorta Mons. Rosa Chavez

San Salvador (Agenzia Fides) – Il Vescovo ausiliare di San Salvador, Mons. Gregorio Rosa Chavez, ha criticato duramente il comportamento dei politici che gestiscono la cosiddetta “compra-vendita di volontà” nell'ambito politico. Dai primi giorni di settembre infatti la stampa locale ha ampiamente riferito sulle vicende del partito ARENA, che ha chiesto ai suoi membri deputati di firmare un documento che contiene le linee del partito. Alcuni membri non hanno firmato il documento, altri hanno reclamato la loro indipendenza al momento di votare, altri ancora hanno cambiato partito. Malgrado non ci siano prove certe, molti politici sembrano ancora indecisi sul da farsi, e così viene rimandato il lavoro del parlamento, mentre il paese ha bisogno di soluzioni immediate. Una prova di questa situazione è data dalla elezione del Procuratore Generale, posto vacante ormai dalla seconda settimana di settembre.
“La politica nel paese è molto screditata, quasi prostituita, e bisogna recuperarla, perché è un mestiere nobile”: queste le parole di Mons. Rosa Chavez pronunciate durante una conferenza stampa, con cui ha commentato quanto sta accadendo. Secondo la nota pervenute all’Agenzia Fides, il Vescovo ausiliare di San Salvador ha sottolineato che il paese ha bisogno di una nuova classe politica per guidare il futuro della nazione: "I funzionari pubblici, a tutti i livelli, devono assumersi le loro responsabilità, dal Presidente della Repubblica fino all’ultimo sindaco o assessore. Il paese è in crisi, è a pezzi, e per poterlo ricostruire abbiamo bisogno di leader con molto senso di responsabilità, gente che sia degna di fiducia". Mons. Rosa Chavez ha anche suggerito che la scelta degli alti funzionari, come il Procuratore generale, sia fatta da un gruppo di persone autorevoli, indipendenti, affidabili, con grande amore per il paese e con la capacità di svolgere questi incarichi. (CE) (Agenzia Fides, 15/10/2012)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network