AFRICA/SOMALIA - La siccità continua a colpire migliaia di persone in Somaliland

venerdì, 30 marzo 2012

Hargeisa (Agenzia Fides) – Gli operatori sanitari della Repubblica del Somaliland hanno lanciato un appello con la richiesta di aiuti alimentari e acqua potabile per migliaia di famiglie che, a causa della siccità, hanno perso i loro mezzi di sussistenza. Le famiglie che vivono nelle zone di Garba dadar, Gargaara bari, Gerisa e Osoli, nel Somaliland occidentale, hanno perso tutto il loro bestiame e non riescono ad avere scorte alimentari regolari. Altre, nelle aree di Gargaara e Gerrisa, vanno avanti con le forniture del Programma Alimentare delle Nazioni Unite (PAM). Anche a Ceel la helay, a nord della capitale Hargeisa, la situazione è grave. Nel mese di febbraio, il PAM ha distribuito aiuti alimentari a circa 150 mila persone in Somaliland, tra queste 38 mila erano mamme e bambini con meno di 5 anni di età, mentre altre 18.600 hanno ricevuto razioni familiari o buoni pasto nell’ambito del programma mirato al trattamento dei bambini malnutriti, delle donne incinte e delle mamme a cui è stato diagnosticato stato di malnutrizione. Circa 48 mila persone hanno anche avuto razioni alimentari attraverso i programmi alimentari scolastici. Nelle montagne rurali della zona di Baki risultano malnutriti circa 1800 bambini. I tassi più alti si hanno tra gli sfollati (IDPs) dell’area di Burco in Togdheer. Le piogge nelle regioni settentrionali della Somalia sono iniziate a metà ottobre 2011 ma con l’avanzare della stagione sono diminuite fino a cessare del tutto prima del previsto. Il PAM sta inoltre provvedendo ad altri programmi di soccorso come la costruzione di riserve, pozzi e strade in grado di sopportare eventuali calamità stagionali delle varie comunità. (AP) (30/3/2012 Agenzia Fides)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network