http://www.fides.org

Africa

2012-03-28

AFRICA/MALI - I leader religiosi hanno potuto incontrare il Presidente deposto dai militari golpisti

Bamako (Agenzia Fides) - “Nel pomeriggio di ieri, i capi religiosi che stanno conducendo una negoziazione per risolvere la crisi provocata dal golpe, hanno incontrato i capi della giunta militare. In seguito hanno potuto visitare i ministri del governo deposto, che sono detenuti dai soldati, per accertarsi delle loro condizioni. Hanno anche avuto un breve scambio di saluti con il Presidente Amadou Toumani Touré. Sembra che le condizioni dei detenuti siano migliorate rispetto a qualche giorno fa” dice all’Agenzia Fides Don Edmond Dembele, Segretario della Conferenza Episcopale del Mali.
I militari che hanno preso il potere con il golpe del 22 marzo, hanno annunciato ieri l’adozione di una nuova Costituzione, che stabilisce un periodo di transizione durante il quale il Paese sarà governato dalla giunta (che si è data il nome di Comité National pour le Redressement de la Démocratie et la Restauration de l'Etat- CNRDRE), nessun membro della quale potrà candidarsi in seguito alle elezioni presidenziali e legislative.
“Non sappiamo ancora quale sia la reazione della società civile al progetto di Costituzione presentato ieri sera dalla giunta militare” dice don Dembele, che aggiunge: “Sono previste alcune manifestazioni per oggi. In particolare alcuni partiti politici ed associazioni hanno organizzato una marcia di sostegno ai golpisti”.
Don Dembele ha fatto parte della delegazione dei leader religiosi cattolici, protestanti e musulmani, che hanno ieri incontrato i partiti che appoggiano i militari golpisti. “Abbiamo voluto comprendere meglio la loro posizione. Hanno risposto che, a loro avviso, la democrazia necessita di maggior rigore e che, secondo loro, c’è troppo lassismo nella gestione dello Stato e che quindi occorreva un cambiamento. Questo cambiamento si è verificato sotto la forma del golpe militare, e dunque bisogna sostenere il regime nato dal colpo di Stato” dice il sacerdote. “I negoziati continuano al fine di trovare una via di uscita” conclude don Dembele.
Nel frattempo la CEDEAO (la Comunità economica dell’Africa occidentale), che ha condannato il golpe, invierà una delegazione per proporre alla giunta militare un percorso per tornare all’ordine democratico. (L.M.) (Agenzia Fides 28/3/2012)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network