EUROPA/SPAGNA - Artigianato africano e dell’America latina per la promozione delle donne in India

venerdì, 16 marzo 2012

Santander (Agenzia Fides) – L’associazione cattolica spagnola Manos Unidas della Cantabria ha appena aperto il suo tradizionale bazar solidale che, da 28 anni, ha come obiettivo la raccolta di fondi destinati a progetti di sviluppo e all’eliminazione della fame nel Terzo mondo. Quest’anno il progetto è rivolto allo sviluppo e alla promozione delle donne indigenti di 10 comuni di una regione dello Stato indiano del Rajasthan. Una grande varietà di oggetti è stata messa in vendita, tra questi anche capi di abbigliamento, biancheria e artigianato provenienti da Africa e America Latina oltre ai cosiddetti prodotti del commercio equo e solidale. Gli aiuti, dei quali potranno beneficiare oltre 10 mila persone, saranno mirati alla salute, all’educazione, all’eliminazione dell’analfabetismo e alle discriminazioni di donne e bambine, facilitando il loro coinvolgimento nella vita civile. La Congregazione delle Suore Prabhudasi di Ajmer, impegnate in questa zona dal 1906, riferisce che la povertà della popolazione locale è estrema e la mancanza di igiene è totale. In questo grande Stato, situato al nord ovest dell’India, le religiose incoraggiano programmi per sradicare la povertà estrema attraverso la promozione dell’istruzione e della salute di donne e bambini. Il progetto punterà, inoltre, a migliorare la salute riproduttiva e materno-infantile, consapevolizzando le persone sull’Aids, che negli anni precedenti ha raggiunto il 25% dei casi. I beneficiari diretti saranno 1.800, oltre a 9 mila che riceveranno aiuti indirettamente. Il denaro raccolto con il bazar dello scorso anno è stato destinato ad un progetto di eradicazione dell’Aids e della povertà a Lusaka, capitale dello Zambia, dove lavorano le Suore della Sacra Famiglia, una congregazione polacca presente nel paese africano dal 1970. (AP) (16/3/2012 Agenzia Fides)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network