http://www.fides.org

America

2011-12-28

AMERICA/ARGENTINA - I Vescovi ricordano la povertà e l’esclusione in cui vivono molti

Buenos Aires (Agenzia Fides) – In occasione della celebrazione del Natale, i Vescovi dell’Argentina hanno voluto esprimere la propria preoccupazione per la situazione dei poveri e degli esclusi, e hanno ribadito che la vita deve essere protetta dalla legge fin dal concepimento, durante lo sviluppo e fino alla morte naturale.
Nei loro messaggi alle diverse comunità diocesane, di cui è pervenuta copia all’Agenzia Fides, i Vescovi hanno sottolineato la situazione di esclusione, gli abusi, le violenze e l'emarginazione crescente dei giovani, che vivono in una povertà strutturale. Infatti l'estrema povertà è diventata ormai strutturale, come dimostrano le statistiche allarmanti che rilevano come molti adolescenti e giovani siano figli di genitori non non hanno mai lavorato. Non si tratta solo dell'impossibilità o della difficoltà di trovare un lavoro, ma della perdita della “cultura del lavoro”, il che significa un grande declino sociale e culturale.
Nelle parole dell'Arcivescovo di Santa Fé e nuovo Presidente della Conferenza dei Vescovi argentini, Sua Ecc. Mons. José María Arancedo, si evidenzia che "la violenza e l'abuso infantile, la presenza della droga che danneggia i nostri giovani, l’emarginazione e l’esclusione, continuano ad essere le sfide che dobbiamo assumere in modo urgente". Da parte sua, l'Arcivescovo di Mar del Plata, Mons. Antonio Marino, ha detto che è un compito urgente lavorare per sradicare la povertà, istruire e educare senza esclusioni e difendere l'integrità fisica dei giovani.
L'Arcivescovo di Tucuman, Mons. Alfredo Zecca, ha sottolineato che molte volte non c’è l’esatta comprensione dei termini, in quanto avversario non significa nemico, discutere non significa litigare, e le cose importanti meritano di essere discusse. Proprio per questo c'è un legislatore, il parlamento, le istituzioni che possono promuovere incontri. Mons. Zecca ha anche aggiunto: "Benedetto sia Dio perché possiamo, in una società democratica e pluralista, esprimere i nostri pensieri, e dobbiamo sempre ringraziare per avere la libertà d’espressione". (CE) (Agenzia Fides, 28/12/2011)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network