http://www.fides.org

Europa

2011-08-05

EUROPA/AUSTRIA - Sono 4.5 milioni i malati che beneficeranno degli aiuti inviati dall’organizzazione per la lotta alla lebbra di Missio Austria

Vienna (Agenzia Fides) – Da più di 25 anni l’organizzazione per la lotta alla lebbra (Aussätzigen-Hilfswerk) della direzione nazionale delle Pontificie Opere Missionarie in Austria (Missio Austria) organizza una raccolta fondi e una campagna di raccolta di medicinali per aiutare le persone svantaggiate nelle regioni piú povere del mondo, garantendo il sostegno a progetti anche a lunga scadenza.
Nel 2010 sono stati promossi 72 progetti di lotta contro la lebbra e di sviluppo dei sistemi sanitari. Oltre alle elargizioni per un ammontare di 1,5 milioni di Euro, sono stati inviati medicinali ed attrezzature mediche per un valore complessivo di 8,2 milioni di Euro. Medici, farmacie, industrie farmaceutiche, ospedali e cliniche in tutta l’Austria, in occasione della campagna di raccolta, mettono a disposizione kit di pronto soccorso, guanti sterili, siringhe monouso e diverse altre attrezzature.
Nei mesi di luglio e agosto i medicinali vengono smistati ed confezionati per l’invio in base alle richieste. Quest’anno sono stati preparati finora 3.200 contenitori da spedire in 29 ospedali missionari in Africa, Asia e America Latina. Sono circa 4,5 milioni i pazienti che beneficeranno di questi aiuti.
“Per molti dei nostri pazienti la sola consapevolezza che vi sono persone in Austria che non li dimenticano e non li lasciano soli significa metà della guarigione. Siamo grati che Missio Austria con la sua organizzazione per la lotta alla lebbra da molti anni ‘amplifica’ la nostra voce’”, scrive suor Mary Frederik dalla Tanzania.
Anche se la lebbra oggi è ufficialmente ritenuta “sotto controllo” ogni anno si registrano 250.000 nuove infezioni in tutto il mondo. I progetti attualmente sostenuti da Missio Austria mirano soprattutto a superare le discriminazioni subite in passato dai malati , integrando le terapie nel sistema sanitario ordinario. (MS) (Agenzia Fides, 05/08/2011)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network