OCEANIA/AUSTRALIA - Donne e Sviluppo: il 70% dei poveri di tutto il mondo sono donne

giovedì, 9 giugno 2011

Sydney (Agenzia Fides) - Secondo alcuni recenti dati statistici, le donne rappresentano il 70% dei poveri di tutto il mondo. Sono svantaggiate per diversi aspetti che le sottopongono a rischio di povertà e fame, a causa della sistematica discriminazione che subiscono in quasi tutti i settori: istruzione, lavoro, sanità, controllo delle attività, partecipazione nella società. Lo stato di povertà spesso le sottopone a gravi rischi di violenza, in particolare nel corso dei conflitti dove molto spesso sono tra le vittime principali. Caritas Australia ha ribadito la necessità di un cambiamento urgente per tutelare questa categoria, supportando il Millennium Development Goal 3, il quale riconosce che crescita e sviluppo sostenibili possono realizzarsi solo quando tutti, uomini, donne, ragazze e ragazzi, abbiano la totale partecipazione nelle questioni che riguardano la loro vita.
Quando le donne hanno il potere economico, a trarne beneficio è l'intera comunità. Alcuni studi dimostrano che le donne impegnano i loro guadagni per le spese familiari che riguardano la salute e il benessere di tutti i componenti della famiglia, per il cibo, i farmaci e l’istruzione. Inoltre maggiore è il livello di istruzione femminile, migliore è la salute materno infantile e lo stesso tasso di sopravvivenza infantile. In alcune zone del mondo le donne provvedono ad oltre il 70% del lavoro agricolo e producono oltre il 90% del cibo. La World Bank ha calcolato che nella sola Africa subsahariana, la produzione alimentare potrebbe aumentare del 20% semplicemente migliorando l'accesso delle donne alle attrezzature agricole, alle varietà di sementi e fertilizzanti.
Caritas Australia promuove la salute e il benessere di donne, uomini, ragazzi e ragazze attraverso programmi integrati in tutte le regioni in cui è impegnata. L’organizzazione lavora sia con uomini che con donne per migliorare la partecipazione economica e sociale delle donne e delle ragazze nelle loro comunità. E’ impegnata anche a sradicare alcune delle cause più profonde che generano povertà, come la violenza e gli abusi dei diritti umani che emarginano le donne e le ragazze e impediscono la loro piena partecipazione alla vita della comunità. In Laos, ad esempio, dove il tasso di alfabetizzazione femminile è molto basso rispetto a quello maschile, così come pure le opportunità di lavoro, le famiglie in cui è presente una figura femminile sono considerate particolarmente vulnerabili alla povertà e alla violenza. Caritas Australia interviene nel paese sostenendo il partner locale e favorendo opportunità lavorative per le donne più emarginate, offrendo loro la possibilità di mandare i propri figli a scuola. Grazie a questo programma si riduce notevolmente la vulnerabilità alla violenza e allo sfruttamento di molte giovani.
Nella Repubblica Democratica del Congo, dove purtroppo è molto diffusa la violenza contro le donne, Caritas Australia lavora in partnership con la Caritas locale, Caritas Goma, per garantire assistenza sanitaria e consulenza alle vittime di stupri. A Samoa, attraverso il progetto Women’s Empowerment and Rehabilitation Caritas Goma sostiene le donne attraverso la formazione in comitati locali per la pratica del cucito, per l’artigianato e altre attività che consentano loro di ottenere un reddito. In questo modo le donne migliorano lo stato di salute, alimentazione ed istruzione della loro famiglia. (AP) (9/6/2011 Agenzia Fides)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network