http://www.fides.org

Asia

2011-05-13

ASIA/GIAPPONE - Il Nunzio: “La visita del Card. Sarah è un forte incoraggiamento per il Giappone ferito”

Tokyo (Agenzia Fides) – “La visita del Card. Robert Sarah, Presidente del Pontificio Consiglio Cor Unum, avrà un effetto di forte incoraggiamento per la popolazione giapponese ferita dal sisma e dallo tsunami. Sono certo che la sua presenza, che manifesta l’attenzione e l’affetto del Santo Padre, riuscirà a toccare i cuori di tutti i cittadini nipponici, cristiani e non”: con queste parole il Nunzio Apostolico in Giappone, Sua Ecc. Mons. Alberto Bottari de Castello, commenta, in un colloquio con Fides, l’arrivo in Giappone del Card. Robert Sarah e del sottosegretario di Cor Unum, Mons. Segundo Tejado, giunti sul suolo giapponese per portare un messaggio di solidarietà e di speranza da parte del Santo Padre Benedetto XVI (vedi Fides 12/5/2011).
La delegazione vaticana visiterà domani l’area di Saitama e nei giorni seguenti la diocesi di Sendai, la più colpita dal disastro, sincerandosi sul contributo che la Caritas giapponese sta offrendo in risposta all’emergenza umanitaria. Mons Bottari nota che “già nelle scorse settimane gli interventi del Santo Padre, che ha sottolineato la dignità e la compostezza del popolo giapponese, hanno avuto effetti molto benefici e sono stati molto apprezzati”. “I giapponesi – spiega il Nunzio – per carattere fanno fatica a esprimere i loro sentimenti, anche con l’idea di non caricare sugli altri i propri pesi. Dunque, in tale contesto culturale, un messaggio verbale e fattivo di vicinanza e solidarietà, da parte di chi non critica ma solo incoraggia e prega, ha un grandissimo valore. Il Card Sarah porterà ai profughi e ai sofferenti l’affetto del Santo Padre”.
Dopo il terremoto e lo tsunami dell’11 marzo scorso, il paese si trova nel pieno della fase di ricostruzione. Cor Unum ha già dato alla diocesi di Sendai un contributo di 150mila dollari, utilizzati per aiutare persone in difficoltà, per riparare le chiese, per ricostruire case. (PA) (Agenzia Fides 13/5/2011)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network