http://www.fides.org

Africa

2010-10-06

AFRICA/CIAD - Un Vescovo missionario lancia un appello per l’Africa: “basta sfruttarne le ricchezze senza pensare al benessere degli africani”

Roma (Agenzia Fides)-“A 50 anni dall’Anno dell’Africa (1960), quando diversi Paesi africani divennero indipendenti, è giunto il momento di chiederci se la popolazione del continente deve continuare a vivere nell’angoscia e nella paura della morte a causa delle innumerevoli ricchezze del suo sottosuolo. Queste ultime, a causa dell’ingordigia umana, da benedizione si sono trasformate in una maledizione per le popolazioni locali”. È l’appello lanciato attraverso Fides da S.E. Mons. Michele Russo, Vescovo di Doba, in Ciad.
“Dopo 50 anni di sfruttamento selvaggio, anche con la complicità dei governi locali, e di indifferenza nei confronti delle popolazioni africane e del loro futuro, penso che sia giunto il momento di prendere coscienza di questi fatti. Le ricchezze naturali africane devono essere utilizzate per costruire il futuro delle figlie e dei figli del continente” afferma Mons. Russo.
“Offrire una possibile di sviluppo ai Paesi africani significa pure bloccare il triste fenomeno, che suscita forte allarme in Europa, dei tanti giovani africani che sfidano il deserto e il mare per recarsi in occidente, per condurre spesso una vita infernale, anche perché molti di loro fanno fatica ad adattarsi agli stili di vita europei” aggiunge il Vescovo di Doba.
“Quindi abbiamo un interesse comune, africani ed europei, a utilizzare le enormi ricchezze africane per costruire le infrastrutture che possano permettere alle popolazioni del continente di vivere in pace, di aver un lavoro e di realizzare il proprio avvenire” conclude Mons. Russo. (L.M.) (Agenzia Fides 6/10/2010)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network