EUROPA/GERMANIA - “Promuovere nuove forme di pastorale missionaria guardando i segni dei tempi” dice il direttore dell’ufficio per la pastorale missionaria

venerdì, 24 settembre 2010

Fulda (Agenzia Fides) – Nella cornice della loro Assemblea plenaria che si è svolta dal 20 al 23 settembre a Fulda, i Vescovi tedeschi hanno tracciato un primo bilancio del lavoro svolto dal nuovo Ufficio per la Pastorale Missionaria con sede ad Erfurt (Germania), che ha iniziato la sua attività da pochi mesi, precisamente all’inizio dell’anno 2010 (vedi Agenzia Fides del 14/01/2010). In una intervista riportata dal sito internet della Conferenza Episcopale Tedesca (Deutsche Bischofskonferenz, DBK) “katholisch.de”, il direttore del nuovo ufficio, Hubertus Schönemann, parla dei nuovi compiti della pastorale missionaria in un mondo che cambia velocemente.
Per definizione il suo ufficio si occupa “della promozione e dello sviluppo della testimonianza della Chiesa nel mondo presente”, che Schönemann chiama “un obiettivo a lungo termine, che non può essere raggiunto in pochi mesi, dal momento che ci occupiamo di domande centrali, come l’identità della Chiesa e la pastorale che ne risulta per l’oggi e per il domani”.
Come priorità per poter adempiere in maniera efficace al proprio compito Schönemann sottolinea: “Dobbiamo far convergere e sviluppare la comunicazione in materia di evangelizzazione e pastorale missionaria. Per questo cerchiamo anche di capire le tendenze attuali nella società di oggi …promuovendo e accompagnando nuove forme di pastorale missionaria guardando ‘i segni dei tempi’ come li chiama il Concilio Vaticano Secondo”.
Sul ruolo di internet per la pastorale missionaria Schönemann sottolinea che “Internet è il mezzo di comunicazione più importante dell’era post moderna e sarà sempre più importante. Con il nostro ufficio vogliamo incoraggiare e sostenere le diocesi e gli ordini religiosi ad entrare sempre più in confidenza con questo strumento. Abbiamo già oggi in internet delle offerte molto interessanti da parte della Chiesa”.
Infine Schönemann pone l’accento sull’attenzione dei Vescovi tedeschi per la pastorale missionaria: “Il fatto che si occupino anche nell’ambito della loro assemblea plenaria di questo argomento, dimostra che i Vescovi gli diano molta importanza. E’ importante che la Chiesa segua senza timori gli sviluppi attuali della società per poter rispondere alla sua chiamata missionaria anche in futuro. A lungo termine lo scopo deve essere la promozione di forme rinnovate della pastorale della Chiesa per poter testimoniare il Vangelo di Dio, che attraverso Gesù Cristo si è fatto vicino agli uomini, volgendo lo sguardo agli uomini e alle donne di oggi.” (MS) (Agenzia Fides, 24/09/2010)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network