http://www.fides.org

Africa

2004-06-07

AFRICA/BURUNDI -“Rispettate la scadenza elettorale del 31 ottobre” dicono i Capi di stato africani alle parti burundesi che chiedono di rinviare le elezioni politiche

Bujumbura (Agenzia Fides)- La scadenza elettorale del 31 ottobre 2004 non si tocca. È il monito lanciato dal comunicato finale del vertice per il processo di pace in Burundi che si è tenuto a Dar es Salaam (capitale della Tanziania) sabato 5 giugno.
Il vertice era presieduto dal capo di stato tanzaniano, Benjamin Mkapa, ed era composto dai presidenti di Burundi (Domitien Ndayizeye), Uganda (Yoweri Museveni), Rwanda (Paul Kagame) Sudafrica (Thabo Mbeki), Zambia (Levi Mwanawasa) e dal premier dell'Etiopia, Males Zenawi.
In diverse occasioni, esponenti del governo del Burundi avevano dichiarato che stavano considerando di rinviare le elezioni politiche per ragioni di carattere organizzativo. “Riaffermando la data originale, i capi di stato e di governo dei paesi africani impegnati a mediare nel conflitto burundese, hanno voluto sottolineare la preoccupazione che un rinvio delle elezioni faccia fallire le intese fin qui raggiunte” dice all’Agenzia Fides un osservatore locale.
L’FDD, il principale gruppo di guerriglia del Burundi,ha raggiunto nel 2003 un accordo di pace con il governo. L’intesa è stata firmata dal Presidente burundese Domitien Ndayizeye e dal capo delle FDD, Pierre Nkurunziza, il 16 novembre 2003 a Dar es Salaam, capitale della Tanzania, e prevedeva la spartizione del potere e l’integrazione dei combattenti hutu nell’esercito regolare, che è attualmente controllato dalla minoranza tutsi. Il trattato contemplava la cessazione immediata delle ostilità tra l’esercito e le forze del FDD. I ribelli ottenevano la vicepresidenza della Repubblica, quattro ministeri, il 40% dei posti degli ufficiali dell’esercito e il 35% di quelli della gendarmeria.
Sono esclusi dagli accordi i guerriglieri delle Forze Nazionali di Liberazione (FNL), che continuano a compiere incursioni in alcune aree del paese. (L.M.) (Agenzia Fides 7/6/2004 righe 26 parole 293)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network