http://www.fides.org

Oceania

2004-02-19

OCEANIA/AUSTRALIA - Dopo le Olimpiadi, la Giornata Mondiale della Gioventù: la chiesa australiana si candida per ospitare il grande incontro dei giovani con il Santo Padre nel 2007

Sidney (Agenzia Fides) - E’ rimbalzata dai Vescovi australiani in tutto il mondo la notizia della candidatura di Sydney per ospitare la Giornata Mondiale della Gioventù del 2007. Mentre fervono i preparativi per la GMG di Colonia nel 2005, un comunicato diffuso al termine della recente assemblea plenaria della Conferenza Episcopale di Australia ha espresso pubblicamente la richiesta, inoltrata al Pontificio Consiglio dei Laici in Vaticano, che la sottoporrà al Santo Padre. Insieme all’Australia, altre possibilità per ospitare la GMG 2007 sono il Sudafrica e la Bolivia, come informa il portale dei giovani della GMG www.korazym.org.
Intanto i Vescovi australiani stanno elaborando un libro di presentazione che dovrà servire per informare la Santa Sede sulle caratteristiche che farebbero di Sydney la città ideale per organizzare la XXII Giornata Mondiale della Gioventù nel 2007.
I Vescovi hanno fatto riferimento agli ultimi due grandi eventi sportivi tenutisi a Sydney: i Giochi Olimpici del 2000 e il campionato mondiale di Rugby del 2003, che hanno dimostrato come la città sia pronta e capace di gestire questo genere di manifestazioni internazionali. L’evento servirebbe anche a uno sviluppo spirituale della Chiesa australiana, notano i vescovi, e a far riaccendere nei giovani australiani l’interesse per la fede.
Anche i partiti politici del nuovissimo continente si sono detti pronti a sostenere a Chiesa cattolica nell’organizzazione della GMG. Secondo quanto riporta il settimanale di Sydney Catholic Weekly, la GMG potrebbe mettere d’accordo governo e opposizione: “Sydney - scrive il settimanale - sarebbe una città fantastica per la GMG, un evento che attira giovani pellegrini da tutto il mondo”.
(PA) (Agenzia Fides 19/2/2004 lines 13 words 131)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network