ASIA/INDONESIA - La Chiesa cattolica di Padang in prima linea nelle operazioni di solidarietà per i terremotati di Sumatra, soprattutto musulmani. Il Vescovo: “La carità è senza confini”

venerdì, 9 marzo 2007

Padang (Agenzia Fides) - “Stiamo facendo il possibile. Tutte le nostre risorse sono mobilitate per la solidarietà verso i terremotati, ma anche nella preghiera”, dice in un colloquio con l’Agenzia Fides Mons. Martinus Situmorang, Vescovo di Padang e Presidente della Conferenza Episcopale Indonesiana. “I volontari cattolici sono attivi e i destinatari sono soprattutto musulmani. La carità è senza confini o discriminazioni. Abbiamo attivato una colletta per le vittime, a cui stanno partecipando anche le altre diocesi indonesiane. Il servizio umanitario andrà migliorando e strutturandosi grazie alla cooperazione che ci hanno assicurato la Caritas Germania e il Catholic Relief Service dagli Stati Uniti”, spiega il Vescovo.
La comunità cattolica di Padang ha dunque mobilitato tutti i canali e le risorse utili per provvedere all’assistenza dei terremotati di Sumatra, colpita dal sisma del 6 marzo, che ha ucciso 73 persone e ferite oltre 420, distruggendo oltre 1.000 edifici nell’area.
La diocesi sta inviando aiuti umanitari di emergenza, come cibo coperte, tende, acqua potabile agli sfollati, in larga maggioranza musulmani. Fra gli edifici danneggiati, vi sono anche alcune strutture cattoliche come alcuni ospedali, scuole e parrocchie. Alcuni cittadini con le case danneggiate hanno trovato rifugio in locali delle comunità cattoliche e assistenza attraverso i volontari delle Caritas parrocchiali.
Il comitato di coordinamento degli aiuti governativi si avvale della rete delle organizzazioni della società civile e delle comunità religiose, che hanno una presenza capillare sul territorio.
Le comunità cattoliche, oltre al sostegno materiale, stanno offrendo quello spirituale, cercando di portare consolazione e conforto alle famiglie colpite, e organizzando speciali momenti di preghiera. (PA) (Agenzia Fides 9/3/2007 righe 24 parole 248)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network