EUROPA/AUSTRIA - Lettera pastorale dei Vescovi per la Giornata Missionaria Mondiale: i fedeli austriaci invitati ad essere “missionari” anche nel proprio paese e a dare testimonianza della propria speranza in Dio

mercoledì, 18 ottobre 2006

Vienna (Austria) - “Il 22 ottobre chiediamo agli austriaci, come tutti gli anni, di dare il loro generoso contributo per rendere possibile a tante persone nel mondo una vita dignitosa” scrive il Direttore nazionale delle Pontificie Opere Missionarie in Austria, P. Leo-M. Maasburg, nella presentazione della Campagna per il mese missionario di ottobre e la Giornata Missionaria Mondiale 2006. Missio Austria ricorda che la colletta della Giornata Missionaria Mondiale sostiene la vita di 1.100 fra le più povere diocesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina, dove la Chiesa locale è spesso l’unica istituzione ad impegnarsi per il bene della popolazione. La pastorale fa parte dei compiti di queste diocesi, insieme all’impegno nel campo della sanità o dell’educazione, essendo accanto alle persone. Il Direttore nazionale esorta: “Dobbiamo essere a disposizione delle persone. Ridere con loro. Piangere con loro. Aiutarle!”
I Vescovi austriaci ricordano in una lettera pastorale pubblicata in occasione della Giornata Missionaria Mondiale, che anche il Santo Padre Benedetto XVI nella sua prima enciclica ha definito la Chiesa come “la famiglia di Dio nel mondo”. “La Giornata Missionaria Mondiale è ogni volta di nuovo un esempio impressionante della preghiera, della festa universale e della solidarietà di questa ‘famiglia di Dio nel mondo’” scrivono i Vescovi. L’Episcopato austriaco ricorda che non si tratta soltanto di alleviare le emergenze materiali, per quanto importante essa possa sembrare, ma il primo compito è la proclamazione di Dio, poiché se non lo si facesse si priverebbero gli uomini della cosa più importante. In questo senso i Vescovi invitano i fedeli austriaci ad essere ‘missionari’ anche nel proprio paese: “Vogliamo incoraggiarvi ad essere missionari nella nostra patria e a dare attraverso l’identità cristiana, testimonianza della nostra speranza in Dio anche di fronte alle migliaia di persone che vengono nel nostro paese e non hanno mai sentito parlare di Dio”.
Al centro della campagna per il mese missionario e per la Giornata Missionaria Mondiale 2006, Missio Austria ha posto come paese simbolo il Madagascar, uno dei dieci Paesi più poveri del mondo. Numerose informazioni su questo paese simbolo, spunti per l’animazione missionaria, oltre a materiale di lavoro per una campagna per i giovani, si trovano sul sito delle Pontificie Opere Missionarie in Austria - Missio Austria. (MS) (Agenzia Fides, 18/10/2006 - 29 righe, 380 parole)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network