http://www.fides.org

Asia

2003-09-22

ASIA/IRAQ - PER LA PRIMA VOLTA DOPO LA GUERRA UN SACERDOTE CALDEO È NEL CONSIGLIO PROVINCIALE, ORGANO ESECUTIVO NELLA CITTÀ DI MOSUL: “LA PACE DIPENDE DAGLI SFORZI DI TUTTI”

Mosul (Agenzia Fides) – La città di Mosul, la storica Ninive, dove la presenza cristiana è sempre stata ben marcata, ha nel Consiglio provinciale, l’organo di governo civile dell’area, un sacerdote cattolico Caldeo. È don Louis Sako, parroco a Mosul, impegnato nella pastorale giovanile e del dialogo islamo-cristiano. Don Sako è anche Consultore del Pontificio Consiglio per il Dialogo interreligioso. L’Agenzia Fides gli ha rivolto alcune domande sul suo impegno sociale e sulla situazione in Iraq.

Cosa pensa dell’attuale situazione in Iraq? La gente vive meglio oggi rispetto al passato?
Prima della guerra tutto l’Iraq era come una grande caserma piena di soldati e armi: nessuno poteva criticare o manifestare, la vita era militarizzata. Oggi invece, sebbene ci siano tanti problemi, la gente ha ripreso a vivere, si respira un clima di libertà e democrazia. Il popolo può scegliere i loro rappresentanti liberamente, si possono fare manifestazione nelle strade, pubblicare giornali. Certo, dopo la guerra ancora non c’è la sicurezza che noi vogliamo, ma pian piano tutto si risolverà: la pace è un progetto che richiede tempo e dipende dagli sforzi di tutti. Oggi c’è nel paese una nuova atmosfera: per questo sono molto ottimista per un futuro migliore.

Nel ricoprire l’incarico all’interno del Consiglio non ha paura di attentati terroristici, come è successo di recente con la sig.ra Akila Al Hashmi a Baghdad?
Non ho paura perché difendo i poveri e gli oppressi, e cerco di fare del bene a cristiani e musulmani: e vedo che tutti mi apprezzano. Il Consiglio mi aveva proposto di usufruire di cinque guardie del corpo, ma io ho rifiutato, perché secondo me, occorre dare un esempio di fiducia: sono convinto che Dio è sempre con me e mi protegga, perché quello che sto facendo è per il servizio alla comunità civile di Mosul.

Come riesce a coniugare il ministero di parroco con il nuovo incarico civile?
Ogni sacerdote deve organizzare il proprio tempo tra il servizio sacerdotale e altri servizi. Nella parrocchia ho tanti laici che mi aiutano. E poi il mio impegno politico vale per questo periodo di transizione: ho accettato questo incarico per dare un contributo a preparare un futuro di pace e serenità, di cui potranno beneficiare anche i cristiani iracheni.

Quanti rappresentanti cristiani ci sono in Consiglio provinciale a Mosul?
Il Consiglio è formato da 24 membri: 16 sono arabi, 3 cristiani, 3 curdi, 1 turcmeno. I membri sono distribuiti in tante commissioni: io mi occupo della Commissione per la Cultura. Università e beni religiosi. Devo dire che la mia esperienza di dialogo con intellettuali e leader musulmani ha reso più facile il lavoro nel Consiglio municipale, dove tutti mi chiamano “Abuna”, che significa “Padre”.

Quali attività svolgete all’interno del Consiglio? Vi sono in particolare opere a favore della comunità cristiana?
Lavoriamo per il bene dell’intera comunità di Mosul, e i problemi che affrontiamo dipendono spesso dal fatto che c’è stato in Iraq un cambiamento repentino, con il crollo del regime, e la gente deve ancora abituarsi alla nuova situazione. Nel Consiglio, inoltre, lavoro per tutelare i diritti, sociali, politici e religiosi della comunità cristiana. Oggi i cristiani possono pubblicare giornali (a Mosul ve ne sono già cinque) e stanno cercando di avere un rete di Tv e radio. Stiamo inoltre cercando di recuperare tutti i terreni che avevano i Monaci Caldei attorno al Monastero di San Giorgio a Mosul, che il regime di Saddam aveva espropriato con la forza, e d far rientrare tutti coloro che erano stati cacciati dalle loro case o dai villaggi. Inoltre in alcune città a maggioranza cristiana, Il Consiglio, che ha anche giurisdizione sulla provincia, ha scelto un sindaco cristiano per cittadine circostanti come Alqosh, Karakosh, Telkef.
(BM) (Agenzia Fides lines words lines 60 words 643 )

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network